Facsimile di una carta prepagata Vivipay

ViviPay, la carta prepagata con Iban di Vivi Banca

prepagate

I tratti distintivi di Vivipay sono il plafond e l’operatività elevati, grazie ai quali questa prepagata con Iban può sostituire un conto corrente. Il titolare può infatti impiegarla per farsi accreditare lo stipendio, pagare bollettini ed eseguire bonifici SEPA, oltre alle classiche operazioni di prelievo contanti e acquisti Pos/online.

Se anche tu stai cercando uno strumento di pagamento sicuro per gestire le tue spese, ecco le caratteristiche e i costi della prepaid.

Che cosa puoi fare con Vivipay?

Come anticipato, Vivipay appartiene alla categoria delle carte conto, ossia prepagate ricaricabili dotate di codice Iban e utilizzabili per tutte le funzioni principali di un CC. Data la maggiore convenienza delle prepaid, per molti italiani si tratta di un’alternativa valida a quest’ultimo.

Vivipay è collocata da Vivibanca, l’istituto di credito torinese nato nel 2017 dall’unione di TerFinance Spa e Credito Salernitano. L’emittente è invece l’Istituto Cabel IP Spa. La richiesta della carta prepagata non è subordinata all’apertura o detenzione di un conto corrente. Fondamentale invece aver compiuto la maggiore età. L’attivazione della ricaricabile è subordinata ad un primo accredito di almeno 200 €.

Vivipay è attiva sul circuito Mastercard sia nazionale che internazionale. Le principali operazioni eseguibili sono: emissione e ricezione di bonifici, accredito dello stipendio, pagamenti di F24 e bollettini, ricariche telefoniche, domiciliazione utenze, acquisti sia tramite terminale POS che online, e infine prelievo di contanti.

Come la maggior parte delle ricaricabili, anche Vivipay è personalizzabile. In particolare puoi: disabilitare l’uso sul web, per prelievi di contanti o per determinate categorie di articoli (anche in via provvisoria), ridurre il massimale di utilizzo, verificare le operazioni in real time.

La gestione è possibile sia sul sito, tramite pc, che da smartphone con l’app dedicata. E’attivo di default un servizio di alert per transazioni d’importo uguale o superiore a 100 euro.

I massimali di Vivipay

I limiti operativi di Vivipay la rendono idonea a essere utilizzata da qualunque utente medio. Ecco quali sono:

  • plafond: € 50.000;
  • prelievo giornaliero di contanti: € 1.500;
  • prelievo di contanti al mese: € 5.000;
  • tetto di spesa quotidiano con POS: € 5.000;
  • tetto di spesa mensile con POS: € 25.000;
  • accredito/addebito singolo bonifico: € 25.000.

Come ricaricare Vivipay

Per ricaricare Vivipay puoi avvalerti di bonifici SEPA (anche da parte di terzi), accreditare lo stipendio, usare l’app dedicata MITO. Se preferisci i canali fisici puoi ricaricare agli sportelli bancari oppure nei Sisal Point.

I costi della carta prepagata

Quasi tutte le operazioni effettuabili con la carta prepagata ricaricabile Vivipay sono gratuite: bonifici SEPA, prelievi di contanti in area UE, pagamenti POS, online, di F24 e di bollettini, rifornimenti di carburante e ricariche telefoniche.

Risultano invece con commissioni a carico: il canone mensile di 4 euro (48 annui), le ricariche presso le ricevitorie Sisal, che costano 3 € cadauna, e i prelievi in area extra-UE, che hanno un onere di 3,50 euro ciascuno. La richiesta di duplicato carta per furto o smarrimento comporta un addebito di 5 €, così come la richiesta di blocco tramite numero verde.

Conclusioni

Se non ti occorre un conto titoli, il libretto degli assegni e/o la condivisione del CC Vivipay può rivelarsi un’ottima scelta. Il plafond e tetti di spesa appaiono più elevati della media delle carte conto, a parte alcune eccezioni come ad esempio DB Contocarta, la prepagata Viabuy o Monese. Ottimo anche il massimale per prelievi di contanti, che ti permette di “fare il pieno” con ben 1.500 €.

Per quanto riguarda la convenienza economica, è da valutare in base all’uso che intendi farne. Se effettui molte operazioni annue, la gratuità delle medesime si rivela vantaggiosa. Viceversa, se esegui pochissime operazioni il canone mensile può apparire salato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *