Facsimile di una postepay standard

Postepay Standard, la prepagata per fare shopping

prepagate

Chi non conosce la Postepay Standard? E’ la prima carta prepagata ricaricabile e nominativa emessa da Poste Spa. La sua lucida targhetta gialla plastificata si è evoluta nel tempo per rispondere ai nuovi standard di sicurezza, ma le funzioni sono rimaste invariate: consentire lo shopping senza contanti e i prelievi cash. Ecco cosa può fare, quanto costa e i massimali di questa prepagata.

Carta ricaricabile Postepay Standard: le operazioni possibili

La Postepay Standard, a differenza della più recente carta conto Postepay Evolution, non è dotata di codice Iban. In compenso può essere richiesta anche da minorenni – la versione specifica per teen si chiama Postepay Junior -. I ragazzi, purché abbiano compiuto almeno 12 anni, necessitano dell’autorizzazione dei genitori.

La domanda per ottenere la Postepay Standard può essere effettuata presso qualunque sportello postale ubicato sul territorio. La consegna è immediata. In seguito occorre attivarla con una semplice procedura online. Poste Spa offre ai clienti sia i servizi di home banking da pc che l’app per smartphone e tablet.

Attiva sul circuito Visa Electron, la Postepay Standard permette di fare acquisti ovunque siano accettate le carte Visa. Vale sia per lo shopping con pagamento da POS che per quello online. Occorre precisare però che Visa e Visa Electron non sono circuiti identici. Il secondo, annesso al primo, è quello che consente l’operatività alle carte prepagate, con alcune limitazioni. Ad esempio non sono permessi i noleggi auto. In compenso Visa è il circuito più vasto in assoluto a livello mondiale, e oggi le carte prepagate incontrano ben pochi rifiuti.

I prelievi di contanti tramite la ricaricabile Postepay Standard analogamente risultano ammessi presso ogni ATM che accetta Visa. Inoltre puoi ritirare soldi anche negli uffici postali e, ovviamente, ai Postamat.

Fra le altre funzioni della prepagata vanno annoverate il pagamento parcheggi, il trasferimento fondi P2P tra Postepay – max 25 euro – e le ricariche telefoniche.

Chi detiene questa carta ricaricabile può anche usufruire di sconti e cashback esclusivi, per scoprirli basta visitare la sezione apposita dell’app o il sito web.

I massimali della Postepay Standard

Attualmente è possibile ricaricare sulla Postepay Standard fino a 50.000 € l’anno. Il plafond è di 3.000 €. In pratica significa che è possibile accreditare sulla prepagata somme per un totale di 50.000 euro annuali, ma il deposito presente non deve superare i 3.000 €.

Per singola operazione di ricarica il limite è, analogamente, di 3.000 €, con un max di 2 ricariche al giorno. La Postepay Junior invece ha un tetto di 500 € a ricarica, per un totale di 1.000 al dì.

Il prelievo di contanti presso gli ATM ha un tetto di 250 € quotidiani, che scendono a 100 € nella versione Junior. Da ufficio postale il limite è di 3.000 € per la Postepay Standard e di 150 € per la Junior.

Quanto allo shopping, puoi spendere fino a 3.000 € al giorno. Con la versione depotenziata per minorenni il massimale scende però a soli 150 €.

Come ricaricare questa prepagata

Per depositare fondi sulla Postepay Standard esistono diverse opzioni:

• app;
• home banking;
• sportelli postali;
• ATM postali;
• tabaccherie;
• punti vendita abilitati;
• ricarica automatica a soglia, quando il deposito scende sotto a un valore prefissato, da conto corrente postale o da altra Postepay ;
• ricarica automatica a tempo, settimanale, quindicinale oppure mensile da conto corrente postale o da altra Postepay;
• a domicilio con Postepay o Postamat, previo accordo con portalettere abilitato.

I costi della ricaricabile

L’emissione di una nuova Postepay Standard costa 10 €, la versione Junior la metà. Altri 5 € vanno versati come primo deposito, in seguito potrai spenderli come preferisci.

La ricaricabile non comporta spese di gestione annuale o mensile.

I prelievi di contanti comportano un onere di 1 € presso ATM e sportelli postali. Presso gli ATM di altri istituti di credito dell’area UE il costo sale a 1,75 €. In area extra UE per ogni prelievo paghi 5 € più l’1,10% della somma prelevata.

Lo shopping è privo di commissioni, fatta eccezione per quello in divise diverse dall’euro. In tal caso l’importo dell’onere è di 1,10% della somma pagata.

Conclusioni

I punti di forza della Postepay Standard sono diversi. Chi ne è in possesso apprezza infatti i massimali elevati, in rapporto alle altre carte prepagate senza Iban. L’operatività sul circuito Visa garantisce inoltre piena libertà nell’utilizzo.

L’aspetto negativo di questa carta ricaricabile nominativa è rappresentato dai costi. Onere di emissione a parte, bastano infatti alcuni prelievi al mese per veder lievitare le spese annuali a diverse decine di euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *