Facsimili di carte Hello! Free

Hello! Free di Hello Bank, la carta per acquisti in libertà

prepagate

E’ pensata per lo shopping, Hello! Free, ma non solo. Con questa carta prepagata offerta da Hello Bank puoi anche accreditare lo stipendio, prelevare contanti e ricaricare il tuo smartphone. Il tutto risparmiando sulle spese di commissione. Ecco in dettaglio che cosa puoi fare con questa ricaricabile, cosa invece no e quanto costa.

Shopping senza pensieri con Hello! Free

La funzione principale di Hello! Free è senza dubbio lo shopping, fisico e online. Puoi pagare i tuoi acquisti sull’intero circuito Mastercard globale, sia in euro che in altre valute. Inoltre la carta è comodamente gestibile anche tramite app, quindi puoi associarla agli wallet Apple Pay, Samsung Pay, Google Pay, Fitbit Pay e Garmin Pay. Il tetto di spese quotidiano su POS è piuttosto generoso: 5.000 €.

Relativamente alla sicurezza, questa carta prepagata con Iban è associabile a notifiche push che ti avvertono delle transazioni effettuate. Non solo: opzionalmente, puoi attivare una copertura assicurativa che ti risarcisce fino a 2.000 € nell’eventualità di furto o utilizzo fraudolento di Hello! Free. E se viaggiando perdi il bagaglio o ti viene rubato, hai a disposizione fino a 260 € per acquistare articoli di prima necessità e l’indennizzo della perdita, con tetto di 2.066 €. La polizza prevede però il pagamento di un premio annuale.

Se lo trovi conveniente, puoi accreditare lo stipendio, ma considera che nonostante l’Iban Hello! Free non è abilitata a bonifici in uscita. Come Like di UBI Banca, infatti, è una prepagata studiata per affiancare un conto corrente anziché sostituirlo.

I massimali e i costi della carta

I prelievi cash con Hello! Free hanno massimali diversi secondo l’ATM. Se è del gruppo BNL puoi ritirare fino a 500 € a operazione, in quelli di altre banche soltanto 250 per un analogo totale di 500 € al dì.

Il plafond annuale è di 5.000 €, identico a quello per ogni singola ricarica.

Quanto alle spese di gestione di questa carta ricaricabile, si nota una buona convenienza. L’emissione, la gestione annuale, gli acquisti tramite POS e i prelievi da ATM BNL sono tutti free. Fanno eccezioni soltanto i pagamenti in divise diverse dall’euro, che comportano un addebito dell’1,70% della spesa.

Ritirare contanti da ATM non appartenenti al circuito della Banca Nazionale del Lavoro ha un costo di 2 euro a operazione, che rimane invariato per valute diverse dalla nostra.

Se effetti ricariche di Hello! Free agli sportelli fisici BNL paghi 3 € ogni volta. Più convenienti gli accrediti tramite ATM e internet banking –ovviamente possibili solo se disponi di un CC BNL o Hellobank-: la spesa in questi casi scende a 1 euro a operazione. La scelta più economica si rivela quindi la ricarica tramite bonifico, che è gratuita.

Come ricaricare Hello! Free

Per effettuare depositi sulla tua carta prepagata hai diverse possibilità. Grazie all’Iban puoi effettuare ricariche con bonifici. Se possiedi un conto corrente BNL puoi usare anche l’app, la ricarica con contanti agli ATM BNL oppure l’home banking. Infine puoi recarti agli sportelli ubicati sul territorio di questo gruppo bancario – anche se non sei correntista BNL-.

Conclusioni

Senza dubbio Hello! Free è una prepagata comoda da usare, e in più hai 5 diversi layout fra cui scegliere per la tua carta fisica. Se intendi usarla soltanto per shopping e prelievi dagli ATM BNL, la convenienza è indubbia. Il livello di sicurezza inoltre è ottimo, considerata anche l’assicurazione opzionale.

Tra le features della carta manca però la possibilità di inviare bonifici, e questo rende difficile eleggerla a unico strumento di pagamento, almeno per chi lavora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *