Facsimile di Carta Elektra

Carta Elektra, la prepagata con doppia versione

prepagate

Di origine british, la Carta Elektra è una prepagata che vanta un elevato grado di flessibilità, protezione della privacy e semplicità di utilizzo. Nessun dubbio infatti che è fra le ricaricabili più facili da richiedere ed attivare. Al momento di inoltrare la domanda (oppure in seguito) hai anche la possibilità di scelta fra 2 versioni.

Carta Elektra Basic è più economica ma meno potente, mentre Carta Elektra Plus ti offre una ben maggiore operatività, pur a fronte di costi maggiori.

Se stai cercando una carta prepagata flessibile non associata ad un conto corrente, leggi oltre per scoprire tutte le caratteristiche di questa prepaid.

Prepagata Carta Elektra, come richiederla e usarla

Carta Elektra è una prepagata fisica e ricaricabile emessa dalla società britannica Prepaid Financial Services Limited. Per ottenerla occorre avere compiuto la maggiore età e possedere uno smartphone. Non risulta indispensabile invece associarla ad un conto corrente.

La richiesta può essere effettuata in 2 modi. Il primo è tramite canale fisico, ossia nei punti commerciali Elektra. Attualmente si trovano in quasi tutte le principali città italiane e il loro numero è in aumento. La seconda opzione, preferita dai più, consiste nella richiesta via web collegandosi al sito ufficiale.

Qui occorre soltanto seguire una breve procedura e indicare un indirizzo al quale verrà recapitata la prepaid. Quanto all’attivazione, bastano il pin e un sms.

A questo punto puoi iniziare subito ad usare la tua Carta Elektra. Siccome opera su circuito Mastercard, puoi effettuare pagamenti senza timore che non venga accettata. Vale sia per i canali fisici che per quelli online. In più è utilizzabile anche per i prelievi di contante agli ATM, sempre su circuito Mastercard.

Se poi vuoi dotarti di più carte per gestire al meglio le tue finanze, puoi farlo tranquillamente. L’emittente ti consente di richiedere fino a 4 prepagate per utenza telefonica.

La validità di ciascuna Carta Elektra è di 2 anni. Decorso tale periodo puoi rinnovarla, ordinarne una nuova o trasferire il credito residuo su un altro strumento di pagamento.

Vediamo ora le differenze tra la versione Basic e Plus.

Carta Elektra Basic: caratteristiche e costi

Va subito chiarito che Carta Elektra Basic ha dei limiti operativi molto stringenti perché è una prepagata anonima. Il duplice vantaggio che offre, in compenso, consiste da un lato nella richiesta della card senza bisogno di fornire documenti o sottoporsi a controlli creditizi, dall’altra di poterla usare per pagamenti non associati ad un nominativo.

Ricorda però che Carta Elektra Basic è valida esclusivamente in Italia. Questo limite vige sia per gli acquisti POS e online che per il prelievo di contanti.

Per quanto riguarda i massimali, i costi e le modalità di ricarica, ecco l’elenco:

 • deposito massimo sulla carta: € 250;
 • limite di ricarica mensile: € 250;
 • tetto massimo di ricariche annuali: € 3.000;
 • prelievi di contanti giornalieri e mensili: max € 100;
 • modalità di ricarica: contanti (non occorre identificarsi con documento di riconoscimento) presso i locali commerciali Elektra;
 • costo richiesta carta online: € 19,90;
 • costo richiesta carta in un Elektra Point: € 9;
 • costo di ogni ricarica: € 2,50;
 • onere per singolo prelievo di contanti: € 2,50;
 • canone annuale: gratuito il primo anno, € 10 dal secondo;
 • spese dispositive annuali: € 24;
 • verifiche operative con invio di sms: € 0,22 + costo sms
 • inactivity fee (onere applicato soltanto se la carta non viene utilizzata o ricaricata per almeno 6 mesi consecutivi): € 5.

Carta Elektra Plus: caratteristiche e costi

Molti diversi i limiti di Carta Elektra Plus. La prima differenza risiede sia nel fatto che questa versione comporta la necessità di fornire un documento identificativo per ottenerla, dato che non è una prepagata anonima.

La seconda caratteristica che distingue Carta Elektra Plus è nella possibilità di usarla sull’intero circuito Mastercard e non esclusivamente in Italia. La terza divergenza va cercata nei limiti di utilizzo, costi e modalità di ricarica. Nel dettaglio:

 • massimale del saldo: € 15.000;
 • massimale ricarica al mese: € 30.000;
 • tetto di ricarica annuo: € 100.000;
 • prelievo giornaliero: max € 500;
 • massimale per singola spesa: € 6.000;
 • prelievo mensile: max € 15.000;
 • costo richiesta carta online: € 19,90;
 • costo richiesta carta in un Elektra Point: € 9;
 • modalità di ricarica: contanti, bonifico, con altra carta Elektra o una diversa carta di pagamento;
 • prelievo di contanti area UE: 1% dell’importo (minimo € 2,50);
 • prelievo di contanti in altre aree: 3% dell’importo;
 • costo di ricarica tramite contanti e bonifico: € 2,50;
 • costo di ricarica con altra carta di pagamento: € 3,50;
 • pagamento in altre valute: 3% dell’ammontare;
 • spese dispositive annuali: € 24;
 • verifiche operative con invio di sms: € 0,22 + costo sms;
 • inactivity fee (onere applicato soltanto se la carta non viene utilizzata o ricaricata per almeno 6 mesi consecutivi): € 5.

Conclusioni

Il principale vantaggio di Carta Elektra Basic sta nell’anonimato che offre, unito a una procedura per la richiesta davvero rapida.
Di contro, l’operatività è molto limitata, ma richiedendo fino a 4 carte i massimali si quadruplicano consentendo maggiore libertà. Dato che le ricariche sono possibili soltanto tramite contanti, occorre poi valutare la vicinanza ad almeno un Elektra Point.

Per quanto riguarda Carta Elektra Plus, risultano certo apprezzabili gli elevati massimali di spesa, deposito e ricarica. Comoda la possibilità di poter scegliere fra vari canali di ricarica. L’aspetto meno convincete di questa carta prepagata ricaricabile consiste invece nei costi che comporta, specie in caso di utilizzo in area extra-UE.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *